San Michele Arcangelo

San Michele non e' solo l'espressione del guaritore, del comandante delle schiere celesti, vincitore su satana, accompagnatore di anime, ma una strada, una scelta, una via, un percorso che l'uomo puo' seguire per diventare un guerriero di Michele guidato dal discernimento, mediato dal sentimento sul sentiero della luce.

Interpretazione Iconografica (simbolica)

L'Arcangelo Michele viene rappresentato in una grandissima varieta' di immagini paragonabile forse solo a quella della Vergine, questo in virtu' delle sue moltissime funzioni secondo la tradizione. Qui ne daremo riscontro in alcune delle immagini piu' caratteristiche come in altre, a volte, molto rare.

 

  Iniziamo, da quest'immagine che rappresenta l'Arcangelo Michele come protettore della citta' di Arkangelsk in Russia. Vediamo come abbia una lancia-stendardo nella mano destra e dei fiori e foglie della palma da datteri nella sinistra. La lancia stendardo praticamente in verticale simboleggia l'unione del cielo con la Terra; il colore rosso dello stendardo e del mantello ne indicano il carattere guerriero mentre i fiori e le foglie di palma simboleggiano la vittoria sul male.
  Qui vediamo l'Arcangelo Michele che combatte Satana con la lancia, una tromba e i simboli della Chiesa in mano: la bibbia e l'incensiere.
Le sue qualita' guerriere sono nuovamente messe in evidenza dal cavallo alato di colore rosso e spesso in queste raffigurazioni viene rappresentato con un mantello anch'esso rosso.
Con la tromba annuncia la vittoria e si erge a difesa della chiesa di Cristo contro il male.
l'Icona s'intitola: Michele Guerriero
  Qui vediamo un'altra classica rappresentazione di Michele vestito con il "Loron" come un alto funzionario persiano.
Nella mano destra tiene la lancia in posizione verticale e un globo crucigero nella sinistra ove spesso vengono inserite le iniziali del Cristo (Jesus Xristos). Esso rappresenta il dominio di Cristo (la croce) sulla Terra (il globo) o anche sull'universo stesso.
Il mantello superiore appare blu e quindi vediamo una rappresentazione dell'energia femminile di Michele, simile a quella della Vergine (che possiede un manto blu anch'ella)
  In questa icona abbiamo nuovamente Michele Guerriero con in mano il calice del Sacro Graal e una pergamena su cui e' scritto: "le porte del Paradiso che portano alla vita eterna".
Questo sta a rappresentare la funzione di Michele come custode delle porte del paradiso e in effetti sotto di lui al posto del diavolo vediamo un'anima umana.
La spada con la punta rivolta verso il basso rivela la funzione piu' rivolta alla Terra e non di unione tra la Terra ed il Cielo, appunto come quella dovuta dal ruolo di Psicopompo.
  Un'altra icona di Michele ove viene rappresentato con la spada verso il basso ad indicare le funzioni piu' legate alla terra come quelle di guaritore.
Infatti le sue vesti sono tenui rosa e verdi come i due colori delle energie del cuore.
Accade spesso che il colore verde (cosi' come il blu) sia usato nelle vesti o nelle ali nella rappresentazione di Michele come guaritore e non come guerriero.
La spada verso il basso a contatto con il terreno ci dice anche che Michele, cosi' come qui ritratto, e' sulla terra e ci comunica: mi trovate sulla terra dentro il cuore dell'uomo centrato sull'amore.

 Croce Pomata

  Pagine
 
  Croce Pomata  Home page
 
  Croce Pomata  Il cammino della LUCE
   
  Croce Pomata  Un percorso unico:
 
Michele Arcangelo e la Vergine ...
   
  Croce Pomata  La via di Michele dalle cattedrali fino al Cristo
   
  Croce Pomata  Il Sacro Cuore di Maria
   
  Croce Pomata  La visione "Storica"
   
  Croce Pomata  Storia di un Arcangelo, cammino
 
dell'Umanita' (su base esoterica)
   
  Croce Pomata  Miti, Leggende e Sacre Scritture
   
  Croce Pomata  Apparizioni dell'Arcangelo Michele
   
  Croce Pomata  Preghiere e Invocazioni
   
  Croce Pomata  Iconografia
   
  Croce Pomata  La Spada di Michele
   
  Croce Pomata  Interpretazione Iconografica
  (simbolica)


Croce Pomata  La Linea del "Drago"
   
  Croce Pomata  Raccolta ICONE ORTODOSSE
 
(circa 250 icone)
   
  Croce Pomata  Luoghi di culto In Italia
 
(oltre 200 chiese e basiliche)
   
  Croce Pomata  Altri luoghi di culto nel mondo
 
(oltre 300 chiese e basiliche)
   
  Croce Pomata  Immagini e statue
   
  Croce Pomata  San Michele in Russia
 
(e altri paesi ortodossi)
   
  Croce Pomata  Abbazia di Hildesheim
   
  Link a siti interessanti
   
Croce Pomata  Un messaggio sul cammino
  di Michele
Croce Pomata  Un attacco al cuore dell'energia
  di Michele
Croce Pomata  Link alla chiesa ortodossa in russo
Croce Pomata  Link a video you tube, Ave Maria
  Cattedrale di Mont Saint Michel
Croce Pomata  Icone, sito in russo
Croce Pomata  Bel sito in lingua russa
Croce Pomata  Araldica San Michele
Croce Pomata  Messaggi canalizzati
   

Blog(s)

L'Arcangelo Michele 

La comprensione della vita

La Magia dei simboli

In questa icona Michele viene rappresentato con la lancia ed il globo crucigero ma in aspetto diverso dal Michele guerriero.
I colori del "Loron" sono blu e oro e le ali sono verdi.
Vediamo qui come vengano riportate le funzioni di guaritore di Michele legate al Cristo (globo crucigero) ed al congiungimento del cielo con la Terra (lancia verticale).
Questo sembra esplicare la funzione di Michele come guaritore spirituale (di uomini e di anime). In effetti Michele puo' con il suo intervento anche intercedere per le anime del purgatorio.
  
 

 
 La particolarita' di queste icone sta nel fatto che il globo e la lancia sono invertiti di posizione e che nell'ultima la spada sia retta con la mano sinistra.

Nella prima sicuramente e' un Michele nella sua forma energetica maschile, con il mantello rosso, che aiuta il collegamento tra Terra e Cielo (lancia verticale) nel nome del Cristo (globo crucigero) La particolarita' di questa icona sta nel fatto che il globo e la lancia sono invertiti di posizione.

La seconda icona rappresenta un'energia gia' meno Maschile di Michele, con il mantello rosso, ma compensata del vestito verde. La lancia verticale rappresenta il collegamento tra Terra e Cielo nel nome del Cristo (globo crucigero).
Il verde qui aggiunge la rappresentazione dell'equilibrio nel cuore.
Il suo in realta' e' un gesto molto femminile, quasi materno, accogliente. Sembra accogliere nel cuore il globo rappresentante il Cristo mentre guarda in modo introspettivo e con un'espressione di amore verso se' stesso ed il cristo che sta portando in se'.
Un'esempio per l'uomo nuovo.

Di epoca piu' tarda abbiamo la rappresentazione di tipo "occidentale" del san Michele "guerriero", ma questa volta in aspetto rivolto al femminile, con la spada verso il basso ed il mantello di colore blu, (notare i tratti molto femminili della figura) e che quindi proprio guerriero non e'!. la spada fiammeggiante ci indica anche come lo spirito venga portato nella materia rappresentata dall'uomo (al posto del normale diavolo) con l'indicazione a cio' a cui deve aspirare per risollevarsi (mano destra che indica il cielo, lo spirito).
Il fatto stesso che Michele porti lo spirito-spada fiammeggiante giu' verso l'uomo indica l'aiuto che offre Michele per il cammino evolutivo dell'umanita'.

Cosa si vuole rappresentare con queste icone? sicuramente la mano sinistra rappresenta il cuore, l'anima. In antitesi alla destra mano della ragione e non dimentichiamo che Michele regge l'intelligenza cosmica. Sembra proprio che siamo nella polarita' opposta al Michele classico che sarebbe quindi la Vergine..... Oserei quindi affermare che abbiamo qui una rappresentazione della Vergine sotto le spoglie di Michele.
Qui vediamo rappresentato Michele nella sua funzione piu' spiccata di guaritore e nell'essenza della sua energia maschile.
La lancia-stendardo verticale con il drappo bianco ne rappresentano queste qualita' con l'aggiunta del mantello di colore rosso.
La spada tenuta per la lama come una croce ne mette in evidenza il compito non guerriero ma curativo.
In questo caso quindi Michele viene rappresentato come guaritore dello spirito (amche da notare la spada fiammeggiante; fiamma = spirito).
Viene anche a rappresentarsi, volendo continuare un'analisi ad altri livelli, l'allineamento dei centri energetici (lancia perfettamente verticale) e la centratura sul cuore (croce della spada sul cuore e tenuta con la mano sinistra; vestito verde e blu).
L'equilibrio e' anche rappresentato dal bianco come sintesi dei colori blu, rosso e verde tutti presenti.
Il messaggio si potrebbe riassumere in: Colui che unisce le energie del cielo con quelle della terra puo' accogliere dentro di se' lo Spirito del Cristo nel proprio cuore.
In questa rappresentazione Michele non solo e' espresso nella sua forma Maschile con la spada rivolta verso l'alto, ma nella sua accezione piu' spirituale, completamente color oro a voler simboleggiare il congiungimento con il Cristo; l'essenza del suo stesso nome, Mi Kha El: colui che e' come Dio.
Inoltre e' da notare come il fodero sia stato "erroneamente" collocato a destra.
Evidentemente il "fodero" rappresenta la continuazione della spada verso il basso a voler ricongiungere il Cielo con la Terra.
Vi sono diversi modi di rappresentare l'Arcangelo Michele nella sua forma androgina.
Ognuna tenta di rappresentare in varie forme questo equilibrio tra le energie maschili e femminili.
Questa icona ha l'evidente simbolo maschile della lancia mentre il vestito di Michele e' blu esplicandone il lato femminile, inoltre la lancia e' a 45 gradi indicando un'unione tra l'asse orizzontale femminile e quello verticale maschile. Sul dipinto possiamo anche notare come la punta della lancia sia d'argento nuovamente una caratteristica femminile che controbilancia l'essenza maschile della punta stessa.
La lancia e' anche l'asse della bi-lancia e quindi simbolo di equilibrio.
La lancia normalmente viene scagliata lontano e quindi questo accenna alla possibilita' di inviare nel tempo e nello spazio l'energia del Michele androgino, senza appunto questi limiti.
Troviamo questa bellissima immagine in uno dei piu' imponenti santuari di Michele: La sacra di S. Michele ad Avigliana (Torino).
 

 
  
         
Qui vediamo raffigurato Michele Arcangelo nella sua funzione piu' alta con la bilancia per pesare le anime (psicostasia) e decidere se permettere l'accesso al paradiso.
Con la spada in verticale mostra l'unione della terra con il cielo ed e' vestito nella sua rappresentazione celeste con la quale incarna tutti i suoi aspetti, con un manto azzurro colore di quello della Vergine e coperto di stelle.
Le energie della Vergine e di Michele qui quasi si fondono in un unico inscindibile.
Il verde del vestito riconferma l'idea di equilibrio nel centro del cuore.
Tutte queste icone rappresentanti questa funzione superiore e chiaramente spirituale di Michele sono rappresentate oltre che dal manto blu stellato dai manti bianchi indossati e dal colore oro in tutte presente.
La prima sopra si distingue dalle altre perche' non rappresenta tanto l'atto del pesare le anime quanto l'equilibrio che l'essere umano deve raggiungere (spada verticale, vestito verde, bilancia in equilibrio).
Equilibrio tra le energie maschile e femminile di Michele stesso e dei cammini Cristici maschile e femminile di Michele e della Vergine ed e' forse la rappresentazione piu' completa dell'essenza di Michele.
   Queste immagini pur rappresentando un'aspetto guerriero di Michele sono rivolte all'aspetto piu' femminile dello stesso avendo la spada rappresentata in orizzontale.
La spada si porge in orizzontale quando viene donata.

L'immagine a destra viene rafforzata nel suo significato dalla collocazione in una grotta nel Santuario di Monte S. Angelo sul Gargano.
Questa rappresentazione e' unica ed e' possibile ammirarla a Mount St. Michael in Inghilterra.
Io lo chiamo il S. Michele dell'Aiuto.
La spada presa per la lama ad indicare un'intenzione non guerriera, tenuta in alto come una croce a simboleggiare la via del Cristo come scelta, scelta che una volta effettuata permette di prendere la mano OFFERTA con il palmo in alto in segno di aiuto.
Ecco che il "diavolo" rappresentato in sembianza umana e quindi noi, la nostra umanita' che deve ancora scegliere, se effettua la scelta verso Michele ed il Cristo ottiene l'aiuto per sollevarsi dal suo stato materiale "diabolico" verso lo spirito del Cristo.
Per me e' l'immagine piu' bella, quella della speranza.
L'immagine forse piu' Cristica dell'aiuto e non del giudizio troppo veterotestamentario rappresentato dalla Bilancia che in realta' nell'epoca del Cristo ha un significato piu' di equilibrio che non di vaglio.
La bellezza unica di questa icona del 1500 e' data innanzitutto dal suo fondo chiaro dall'esecuzione fine e preziosa di ogni dettaglio che gia' la rendono un capolavoro, ma cosa ci rappresenta?
Questo Michele atipico, che non tiene in mano nessuna spada, lancia od altro simbolo a lui classicamente affiancato regge una pergamena con su scritto "le porte del paradiso che portano alla vita eterna"
E' rappresentato proprio di fronte a questo paradiso illuminato dall'accecante luce bianca che ne proviene.
Tiene comunque i piedi sulla Terra ad indicare la connessione tra Terra e Cielo, ma questa Terra non ha nessuna caratteristica che la identifichi con un terreno reale... E' come se ci dicesse che il collegamento e' tra la parte materiale  in basso, quella animica rappresentata dalla veste blu al centro e quella rappresentata dalla parte spirituale nell'oro delle ali e nel bianco del fondo.
Una connessione delle parti fondamentali dell'uomo che lo portano fino all'accesso del paradiso.
 

Questo Michele e' veramente molto particolare, ci informa di cose che gia' sappiamo ma che vediamo molto raramente cosi' ben rappresentate.
La sua caratteristica, sicuramente maschile, sicuramente spirituale, lo vede collocato molto in alto sopra l'altare maggiore della chiesa di Praga dedicata alla Vergine. 
La sua spada e' un vero e proprio Caduceo di Mercurio! e il suo elmo pare proprio alato....
Un equilibrio alla spiccata maschilita' di questa icona viene dato dal colore argento delle ali.








Una scritta si trova sul piedestallo, non appena riusciro' ad avere la traduzione la inseriro'.

Magnae Urbishujus tutelari super caelosomnes assumptae Haecaraposita e staetdicata
Anno a Virgine oejus partu
MDCXLIX
(perdonate gli errori)
 
Questa statua, ufficialmente di S. Giorgio, si trova all'interno della cappella dedicata appunto a S. Giorgio mella chiesa di Notre Dame di Parigi.
Rimane da osservare come questo San Giorgio sia alquanto strano....
Come prima cosa non colpisce il drago, ma lo sottomette sotto i suoi piedi....
Bisogna inoltre notare come San Giorgio sia rappresentato normalmente a cavallo, con una lancia e non con una spada, proprio nell'atto di trafiggere il drago.

Direi che questo San Giorgio assomiglia molto di piu' ad un San Michele.

Se vogliamo possiamo interpretare la sequenza San Giorgio - San Michele come due tappe di un percorso evolutivo e quindi questa sarebbe una rappresentazione di passaggio a cavallo tra il "vecchio" San Giorgio ed il "nuovo" San Michele.
Ho avuto la fortuna di visitare Gerusalemme.
Sembra che trovare un'immagine di San Michele sia veramente difficile.
Vi sono immagini e icone in vendita di San Giorgio, ma nessun San Michele neanche nelle chiese.
E' pur vero che quando il Cristo si presenta nel suo manifesto San Michele arretra di un passo lasciando il posto a colui il quale ha preparato la venuta.
Quando ormai la speranza si stava esaurendo trovai nella Chiesa del Santo Sepolcro, sopra l'architrave dell'uscita della cappella del Golgota, completamente al buio e praticamente impossibile da notare, questa immagine di San Michele.

Purtroppo i mezzi fotografici a mia disposizione non hanno permesso una riproduzione nitida e quindi non riesco a comprendere cosa regga nella mano sinistra.

Ovviamente essendo nella Chiesa del Cristo ha un vestito verde centrato al cuore e spada e mantello rossi a accentuarne il ruolo maschile-spirituale.
Questa immagine di una scultura moderna di S. Michele installata in una piazza centrale di Monza e' un fulgido esempio di come anche ai giorni nostri si possa avere un'attenzione che dimostra sicura conoscenza approfondita della simbologia di Michele. 
In quel posto sorgevano, come scritto sulla targa, due complessi conventuali, quello delle "Monache Bianche" e quello di "San Michele" fondati nel XIII secolo, entrambi ospedali per i poveri.
Ecco che la statua viene realizzata con lineamenti molto femminili, la spada nella mano sinistra, tenuta per la lama e appena accennata nei suoi tratti...
Un Michele ritratto al meglio secondo l'iconografia per rappresentarlo come guaritore.
Qui abbiamo un'altro esempio di scultura di S. Michele moderna che si trova all'ingresso della Sacra di San Michele, uno dei tre santuari piu' sacri al culto Micheliano.
qui abbiamo, per me ovviamente, l'esempio peggiore, quello di un anti-Michele.
Questa statua presenta al di la' dell'ala spezzata in posizione innaturale, inadatta al volo, la piu' grande perdita possibile... Michele e' senza la sua spada...
Non nel senso che e' rappresentato in un'altra funzione con altri simboli... la ha lasciata cadere...
Il giorno che l'Arcangelo Michele lasciera' cadere la spada, segno di resa, quella sara' la fine di ogni speranza per il genere umano.
Gia' oggi a livello esoterico si dice che Michele sia l'Ultimo arcangelo che creda ancora nella possibilita' dell'uomo di salvarsi, se perdiamo anche lui siamo finiti, anche perche' Michele non si arrendera' mai fintanto che anche l'ultima anima avra' ancora una speranza di salvezza.
Questo orrore mina con questa enorme statua il significato della Sacra indebolendolo e agendo come un vero e proprio anti-Michele.
Michele combatte contro il demonio nel nostro falso pudore e buonismo la figura del demonio e' stata cancellata, obliata, ora in un senso di spiritualita' deviata rendiamo il nostro massimo difensore inerme.
   
   
   


 

                                                                              e-mail: info@arcangelo-michele.it
                   

  HOME

 

Informazioni personali

Marco Ponzalino

Mi piace vivere le vita, so che ogni istante vissuto non tornerà' per cui cerco di non sprecarlo, so che e' inutile vivere il rimpianto del passato, il desiderio del futuro perché' cio' che conta e' l'istante che vivo. Cerco quindi di essere un uomo ......